All posts by keithManager

DC Books Blue Met Spring Launch

Blue Met Spring Launch

Friday, April 27, 2018: 6:30 pm

Paragraphe Book Store, 2220 McGill College, Montreal

Featuring John Emil Vincent, Kenneth Radu, Fiorella Paris (Milan), Steve Luxton

Excitement Tax (poetry)

Net Worth (fiction)

Acqua Sacra (novel in Italian translation)

The Dying Meteorologist (upcoming poetry title)

together with Jason Camlot, Keith Henderson

Music by Susan Palmer & Laurence Beaudoin

***

From the Massachusetts Review

10 Questions for John Emil Vincent

I had too much computer. And a bad case of quaint.

Such as it was, time stood still and there I was with someone seemed half my age and less a quarter my hygiene. We walked to Emily Dickinson’s grave. We held hands; he said his fingers were empurpled from picking kale in deep frost. I found that twee. In an adorable way.

from “A crumbling infrastructure,” Winter 2017 (Vol. 58, Issue 4)

Tell us about one of the first pieces you wrote.
The first prose poems I wrote were in high school. I wrote this epic fantasia called “Bidet and the Giant Silver Rocking Horse.” It involved pretending to be on acid, which at the time I had not tried. The work was finding a way to open up and develop momentum, which is what I love best about prose poems. Snag on something, unravel the whole sweater. For me, this is the supremest form of fun.

What writer(s) or works have influenced the way you write now?
Marianne Moore is my biggest influence, I suspect. For sonorousness I like Nietzsche and Kafka. For intelligence, Plath. My friend Elizabeth Willis has this terrific book, Turneresque, which really impressed me with what prose poetry could do. That book set my present practice spinning.

What other professions have you worked in?
I trained to be an archivist, a job to which I am allergic. I was a lifeguard. I was a legal secretary. I think teaching is my favorite money-bearing activity and the one I’m best at.

What inspired you to write this piece?
“A crumbling infrastructure” was written about a time when I was newly single and newly 40 and living in the Pelham woods. There was this site, Manhunt, which around 2009 served the purpose of Grindr but also connected gay friends in the Pioneer Valley. Not having been single for most of my adult life, it was a revelation. Sex is, of course, rather terrifying. Other people are, however, completely interesting. “Goat boy” of the poem worked in a butterfly conservatory—what could be better than that? He was incredibly sweet and beautiful and really loved marijuana– also he had dreadlocks.  The spur of the poem was remembering how foggy everything looked through dread-musk smeared glasses. The idea of dread-musk.

Is there a city or place, real or imagined, that influences your writing?
Montreal is a central character in my first book EXCITEMENT TAX, while our emigrating from the US to Canada in 2011 is the plot. What more could a writer wish for than a city where language is everywhere activated and living, full of conflict and full of fun? And also where the people are very sexy and very well-dressed.

Do you have any rituals or traditions that you do in order to write?
I rely on an increasingly intricate system of notebooks. One by the bed, one on the desk, loose leaf for composing. I’ve also taken to using my phone, which I then have to transfer to paper to make it back into language.  I jot constantly (things I hear, things I think) and compose in the afternoon, when not feeling defeated by daily living.

The present poems are hewn from giant masses of prose. Kind of like sculpture. I write and write this id junk and then see what shapes are in it. Then carve. The carving is the work, the junk-spewing is the fun part.

Though I’m a little embarrassed by it, I like to have “Alex,” the computer voice, read my poems back to me over and over while I work on revisions.

Who typically gets the first read of your work?
My friends. My friend Marcie Frank is the first person I send a poem. My friend Meredith is usually the first person I read a poem to.  When things seem pretty together I like to borrow Thomas Devaney’s amazing eyes and ears.

If you could work in another art form what would it be?
Film.  Specifically shot-by-shot remakes of Doctor Strangelove.

What are you working on currently?
Working toward another collection of prose poems called The Playfulness of Skeletons, the Sadness of Bones.

Meanwhile I have an essay to finish on this cool little prose poem by Elizabeth Bishop about a cruisy gay toll-taker on the Bay Bridge.

I’m also discovering that having a first book is a lot of work. I’m not really good at any of it, nor natural to it. The idea of showing up at all is a bit uncomfortable. It’s kind of funny doing this first book thing at my age. Getting to feel that awkwardness, however, might be the best thing about it. I feel like I’m learning something about middle age that is actually nice to know. That I like a good awkwardness.

What are you reading right now?
Popular Delusions and the Madness of Crowds and The Flowers of Evil. Also really savoring my friend Gillian Sze’s book Panicle.

Italy-Canada Tour

Rome, Siena, Bologna, Tagliacozzo, Montreal

March 13th to 17th; April 6th & 27th, 2018
CONTACT: giuliana pendenza — DC Books communications
dcbookscanada@gmail.com         |       www.dcbooks.ca

Acqua Sacra

DC Books is proud to announce the Canada-Italy tour
of Acqua Sacra in Italian translation, Keith Henderson’s
novel on white collar crime in Abruzzo and in Quebec (Edizioni Kirke, Avezzano). In Italy the tour features the author, in Canada the author together with the translator, Fiorella Paris.

Schedule:

Preview on Monday 12th March, Interview with journalist Annalisa Coppolaro, Bar Caracas, Via Camollia 67, Siena

March 13th in Siena: Liceo G.Galilei, sponsored by
CanaDiana, Laura Failli

March 15th in Bologna: Centro Alfredo Rizzardi, Prof.
Carla Comellini

March 17th in Rome: Canadian Club of Rome Book
Club, Prof. Luigi Girolametto

April 6th in Tagliacozzo: Associazione Culturale Marsicana, Emanuele Nicolini

April 27th in Montreal: DC Books spring launch at the Blue Met, 6:30 pm – Paragraphe Book Store

“In Acqua Sacra we find ourselves in a somewhat uncomfortable position, work suspended in the house, a confrontation with the mother of the workers supposed to finish the job. But in exchange for prosecutorial immunity, Susanna becomes involved in a Canadian operation far beyond the scope of normalcy. Her unease about her situation is made clear in a precise psychological portrait Keith Henderson renders perfectly in a series of metaphors that act as a summary of Susanna Ricci’s self-assessment: her distaste for roller coasters, her vertigo at heights, her love of quiet, unhurried driving, her refusal to learn to ski. The final portions of the book intensify the shift toward crime novel. And here both the fantasy and reality of our times combine in situations that lend an entirely different and enriching flavour to so lively a book…. Truly a fine novel.”

— GIANFRANCO FORMICHETTI, City Councillor responsible for Cultural Matters, City of Rieti, Author of Vita di Antonio Vivaldi, Giunti Editore

Robert Edison Sandiford a non-fiction judge for the 2018 OCM Bocas Prize.

Robert Edison Sandiford is one of the non-fiction judges for the 2018 OCM Bocas Prize.

The NGC Bocas Lit Fest in Trinidad and Tobago administers the annual award, which recognizes the best books of poetry, fiction, and literary non-fiction published in English in the previous calendar year by a writer of Caribbean birth or citizenship living anywhere in the world. Entries are made by publishers, though judges may request other published titles for consideration.

The annual literary award, now open for entries, carries a cash prize of US$10,000 for the overall winner, with two prizes of US$3,000 for the category winners. These are sponsored by One Caribbean Media.

Every year, the prize has ten judges in all, distinguished writers, scholars and publishing professionals. There are three judges for each category, including a chair who will form part of the final judging panel of four persons, the fourth being the overall judge. For 2018, the head judge will be the Poet Laureate of Jamaica, Lorna Goodison.

The other two Bocas Prize non-fiction judges are Judy Raymond and Jeremy Taylor.

The reading period runs from November to February. The judges come up with a shortlist of three books and then the winner in each category.

The winning title in each category will be judged for the award of best title of the year, to be announced in April at the festival.

For more information on the award, please visit:

http://www.bocaslitfest.com/2017/awards/the-ocm-bocas-prize-for-caribbean-literature/

MRB Review of Where I Wanted To Be

“Throughout the short novel, Will navigates a web of professional frustrations and domestic quandaries as a father of two young boys (for example: Should sleepovers be allowed on a weekday? Should you allow your ten-year-old to beat you at soccer?). Abray carefully bifurcates Will’s life into two distinct worlds, work and home. The charm of the domestic scenes, often dominated by frank, age-appropriate discussions with his young sons, exposes the corporate theatrics and prickly politics of Will’s exchanges at work with colleagues and clients.

Some of the best and most comedic moments in the novel are when the two worlds briefly overlap. For example, when Will takes his sons to work and they meet his disagreeable boss, or when he tells a disinterested client about the gifts he bought his sons. Will has a propensity to overshare with clients – and it is details like this that make him an utterly believable, and likeable, protagonist….

The book consistently teeters on the edge of a grand dénouement – a betrayal, a blow-up, an accident. Here lies the book’s charm and uniqueness. Life happens: the seasons fold into each other, the boys go to weekly sports practice, and Will and Karen occasionally bicker. But nothing is extreme in this book – not even the toilet leak. It’s a highly readable and funny rendition of real life.

– Cecilia Keating, The Montreal Review of Books, Fall, 2017

DC Books at the AELAQ Pop-Up Book Fair

The Association of English Language Editors of Quebec will hold a Book Fair Saturday Nov 25 and Sunday Nov 26, at Le Café, on the ground floor of the Monument-National, 1182 St-Laurent. Hours are: Saturday: 12-6 PM and Sunday: 11-5 P.M.

A number of DC Books authors will be in attendance.

Saturday 12 – 2: poet John Emil Vincent whose Excitement Tax is about to be released.

Saturday 2 – 4: poet Greg Santos, author of Rabbit Punch! and The Emperor’s Sofa.

Saturday 4 – 5: poet Steve Luxton, author of Luna Moth and In The Vision of Birds

Sunday 11 – 12:30: novelist Ken Radu, author of Earthbound and Butterfly In Amber

Novelist Kenneth Radu reading at the Montreal West Public Library from his upcoming DC publication “Net Worth”

Sunday 12:30 – 1:30: novelist Tom Abray, author of Pollen and Where I Wanted to Be

Novelist Tom Abray reading at the Montreal West Public Library from his novel “Where I Wanted To Be”

Sunday 1:30 – 3:30: poet Larissa Andrusyshyn, author of Mammoth and Proof

Poet Larissa Andrusyshyn reading at the Montreal West Public Library from her collection “Mammoth”

Throughout the Fair: novelist Keith Henderson, author of The Roof Walkers and Acqua Sacra

Novelist Keith Henderson reading at the Montreal West Public Library from his novel “Acqua Sacra”

Montreal West Library Reading

Please make a note of the DC Books/Montreal West Library Fall Reading at the Montreal West Library, Wednesday Oct. 25, 5-7 pm, 45 Westminster S., just opposite Town Hall.  Music, Refreshments, Admission free, featuring Ken Radu, Tom Abray, Keith Henderson, Jason Camlot, and Larissa Andrusyshyn. Free parking beside the Library or behind Town Hall.
Visit http://www.dcbooks.ca/whereIWantedToBe.html for more information about Tom Abray’s just released Where I Wanted To Be or http://www.dcbooks.ca/acquaSacra.html for more about Keith Henderson’s Acqua Sacra, recently published in Italian via Edizioni Kirke; see below for the latest reviews. Visit http://www.dcbooks.ca/proof.html for more on Larissa Andrusyshyn. At the event, Ken Radu will be read from upcoming DC Books Spring 2018 title, a collection of brilliant short stories with the working title Net Worth.
Check out the complete list of DC Books titles at: http://www.dcbooks.ca/

Acqua Sacra Romanzo di Keith Henderson (edizioni Kirke – Avezzano) Presentazione del 5 settembre 2017 – Sala Conferenze Palazzo Dosi – Rieti

Acqua Sacra presentation in Rieti, Italy, featuring Gianfranco Formichetti:

 

Romanzo che sviluppa una narrazione particolarmente dinamica, tanti temi compresi in un itinerario che si muove sul tema del RITORNO, tema canonico della letteratura da Omero a Cesare Pavese, da Itaca alle Langhe; ma è la prima volta che protagonista è una donna, Susanna Ricci, che non ha nostalgia del coniuge, sentimentalmente ormai perduto: la sua Itaca è nell’Abruzzo marsicano, vicino alle nostre montagne e ci sappiamo immedesimare in questa nostalgia, la sentiamo quasi nostra.

Colpisce per esempio l’affinità paesaggistica, che viene descritta quando la protagonista nel colloquio con Rosaria evidenzia la nebbia che sembra restituire il lago del Fucino sotto monte Velino: quello che succede in inverno quando dalle colline intorno alla piana reatina la nebbia sembra restituire il Lacus Velinus. Come anche alcuni profili paesani tanto somiglianti ai nostri.

E che belle le parole che l’autore mette in bocca a Rosaria e che hanno una forte tensione emotiva: “La chiamano l’anima del lago. Non è mai completamente scomparso e come un fantasma ci perseguita. Madre Natura lo rammenta. E vuole che ritorni “. Quasi una sfida quella dell’uomo che ha violato l’ordine naturale: ci si può aspettare una vendetta della natura violata.

Dicevamo un ribaltamento: una donna simbolo del ritorno, ma in tempi di globalismo ecco che i Proci da Itaca si disperdono nel resto d’Italia, si chiamano Mafia, Ndrangheta e non hanno l’esclusiva peninsulare, perché nei fatti narrati si intrecciano percorsi malavitosi che raggiungono il Canada e il Nordafrica.

NOSTALGIA DI UN RITORNO PER METTERE SOTTO ACCUSA IL NOSTRO TEMPO? CERTAMENTE.

Gli intrighi ben articolati nella storia familiare di questa donna danno l’opportunità di offrire uno sguardo su questo nostro tempo così segnatamente negativo. Nelle prime pagine incontriamo la protagonista che dal Canada è tornata nel suo paese d’origine per restaurare una casa danneggiata dal terremoto dell’Aquila. Il fallimento del matrimonio pare voler esaurire l’allontanamento dal tetto natio, quasi un pretesto per un rientro dell’anima nell’ambito più autentico. Un romanzo di sentimento, la conquista di un buon ritiro dunque, ma non è così. La donna non si sente finita anzi. Agguanterà l’occasione per ricominciare una vita lavorativa autonoma. Ma sarà proprio questo che la porterà su percorsi avventurosi e densi di pericoli.

Emergeranno così i vari profili di parenti e amici, ma anche di sconosciuti che tramuteranno quello che poteva sembrare un romanzo sentimentale in un vero e proprio poliziesco. Tratti che offriranno al lettore spunti di riflessione su temi del nostro tempo, dei nostri giorni. Argomenti che emergono nei media a ogni pié sospinto, che tormentano le coscienze. E sì perché anche nella piccola entità territoriale del piccolo paese marsicano è arrivata la mano nera della malavita. E che riscontri.

Gli scenari narrativi mutano, si allontanano, raggiungono orizzonti impensabili, entrano in campo riscontri lontani anni luce dalle tiepide giornate paesane. Ci si sposta in palazzi rigogliosi di vita mondana ad altissimi livelli, si torna a Montreal si scoprono i lati oscuri di una malavita a cinque stelle che ha una ramificazione perfino nel paesello marsicano e che fa diventare protagonista, suo malgrado, la povera Susanna. Non solo Montreal: i confini si dilatano fino a raggiungere i paesi del Nord Africa, fino ad attualizzarsi all’oggi con il dramma dell’emigrazione. Il nostro autore non esibisce l’attualità, riesce ad inserire in una trama avvincente fatti e personaggi che potremmo incontrare in ogni momento.

Farabutti in doppio petto accanto a manovali e braccianti dell’efferatezza, ingenui e fedifraghi si alternano sullo scenario in una tragedia che a momenti sa diventare farsa.
Come quando si scoprono tutte le follie burocratiche alle quali è sottoposta la protagonista, che non sa entrare nei meccanismi della burocrazia italica che si perde in giravolte incredibili, per il restauro della casa della madre con tutti i problemi amministrativi, con le ditte che inventano mille pretesti per ritardare o annullare i lavori. Ma anche personaggi in carne ed ossa c’è perfino spazio per il figlio di Gheddafi, con la storia del Perugia calcio, che riesce ad inserirsi a proposito come sa ben fare Henderson condendo la cronaca con la storia. Ci sono i “cafoni” di Ignazio Silone. E numerosi personaggi della vita politica italiana dei nostri giorni. L’ayatollah Komeini che si dichiara stanco della “moschea e del seminario” e che beatifica in versi l’apertura della taverna. Dunque dicevamo un romanzo che sa vestire anche gli abiti del poliziesco, che sa stimolare la riflessione, che fa movimentare la narrazione sollecitando la tensione narrativa che prende il lettore.

Ma il romanzo è soprattutto narrazione attenta sul personaggio Susanna. Meno di venti righe per presentarcela, con un profilo attento, essenziale ed esaustivo. Una vita condensata in meno di venti righe:

“Susanna Ricci era in subbuglio. A quarantadue anni, il suo matrimonio stava andando a pezzi. Non poteva più nasconderlo. Era soltanto questione di tempo prima che lei e suo marito si sarebbero ritrovati davanti ai legali, per discutere di quel che restava di vent’anni di vita insieme. I loro due figli erano furiosi con entrambi e il maggiore faceva i capricci, come solo un diciottenne sa fare. In più, suo padre era morto recentemente, i suoi genitori avevano lasciato alla figlia una casa abbandonata e fatiscente e Susanna era così ad Acqua Sacra per sistemare tutti i casini che aveva intorno. Non aveva lavoro e poche prospettive di trovarne, almeno nel suo campo. Ma era una donna istruita, aveva visto così tanto. “Perché non fai la segretaria?” aveva insistito sua madre, una volta, durante uno dei loro frequenti battibecchi. Susanna voleva, invece, laurearsi. “Storia, mamma”, le aveva detto. “Voglio conoscere la mia cultura”. E riuscì a farlo, ma poi quando Logan entrò nella sua vita lei abbandonò tutto (stupidamente, pensò col senno di poi) e non scrisse mai la sua tesi di laurea.”

Una donna, dunque, che ha dovuto lottare contro le avversità della vita, con i difficili rapporti con la sorella Laurella, a cominciare dalla differente situazione matrimoniale.
Per Susanna come ci ricorda l’autore, il matrimonio “era maturato infelicemente, e alla fine era fallito”, quello della sorella “impeccabile”, perfino le certezze ostentate delle figlie di Laurella, lanciate con sicurezza nelle scelte universitarie, ben contrapposta alle titubanze dei figli. Il diverso atteggiamento che hanno nei confronti del luogo di origine, che sentono ormai lontano, anzi che avversano palesemente come dichiara la figlia maggiore a proposito dell’Italia, dopo il suo rientro in Canada: “è tutto vecchio e rotto”.

Lo scontro con la sorella è ben chiaro: due caratteri diversi, due modi di pensare all’opposto; feroce la sintesi con la quale Laurella si riferisce al luogo d’origine “puzza”.
Avversaria risoluta nei confronti della madre che aveva espresso il desiderio di ristrutturare la casa: “Perché sprecare soldi su un relitto”. Laurella era felice nella sua nuova dimensione non aveva nostalgia, l’aveva abolita e aveva negato il passato.

Stimolo per riflettere: Laurella personaggio ben consono al nostro tempo. Viviamo un’epoca che sembra voler abolire la nostalgia e negare il passato, nell’illusione di vivere un’eterna fanciullezza. La sindrome di Peter Pan nega la nostalgia perché rifiuta il trascorrere del tempo. Il fascino della nostalgia rende invece sacro quel passato. Non puoi rifarlo né cancellarlo.

Rientriamo nella vicenda che sa anche caratterizzarsi nella concretezza degli avvenimenti. La morte del titolare dell’impresa che stava effettuando i lavori di restauro della casa della madre nella quale Susanna da ragazza era vissuta. Porta di nuovo momenti problematici per l’esito dell’iniziativa che parte dalla madre ma che coinvolge direttamente e sentitamente Susanna. Quanta differenza con Laurella che invece ha esaurito completamente i legami, deracinee, totalmente sradicata ben felice dei suoi “viaggi in crociera, la confusione, la gente, le cene in abito da sera”.

Totalmente a suo agio nella nuova dimensione esistenziale. Anche perché economicamente ben salda con il suo matrimonio. Situazione diversa da Susanna che deve cercarsi anche un lavoro dopo l’abbandono del marito. Sarà proprio quel lavoro a metterla poi nei guai, a farle correre i rischi e qualcosa di più; se poi si pensa che sia stato proprio Len, il suo ex marito a spingerla verso quell’impiego si avverte di più la problematica situazione esistenziale di questa donna. Donna di sentimento Susanna, attenta nel rapporto non sempre facile con i due figli, che però la sostengono quando ha paura di non essere all’altezza per il lavoro che dovrà affrontare. Susanna torna ad Acqua Sacra e si impegna affrontando piccoli grandi problemi per quella benedetta casa. Sono proprio queste difficoltà esistenziali che ci fanno apprezzare questa donna nel percorso narrativo del romanzo. E soprattutto l’apprezzamento è per la su grande onestà e capacità di svelare il velo dei traffici spregevoli che si muovono intorno ai fatti della sua vita.

Ma è il tema del ritorno e della nostalgia che si possono cogliere nella sua personalità.
La nostalgia caratterizza le persone forti che non hanno timore di guardare al passato.
Susanna è capace di sistemare i pezzi del passato, capace di fare della vita un percorso compatto. La sua sensibilità la porta a preoccuparsi per i figli, ad esaudire il desiderio della madre, ad affrontare con coraggio le situazioni difficili nelle quali suo malgrado verrà coinvolta. Insomma un personaggio a tutto tondo intorno al quale ruota il romanzo.
Il ritorno in Abruzzo come possibilità di riconciliarsi con un mondo lontano per il quale avverte una distanza non facilmente abbattibile.

La ritroveremo ad Acqua Sacra in una situazione certamente scomoda, con i lavori sospesi nella casa, lo scontro con la madre di chi avrebbe dovuto concludere il restauro.
Ma anche coinvolta suo malgrado in una operazione ben oltre le righe della normalità, in cambio dell’immunità dall’azione giudiziaria che si stava mettendo in atto in Canada.
Il suo sconcerto per quella situazione è ben evidenziato nella puntuale messa appunto psicologica che Keith Henderson sa rendere perfettamente con una serie di metafore che si sommano nella riflessione che Susanna fa con se stessa, il disappunto per le montagne russe, la sofferenza per le vertigini, la guida tranquilla, il non voler imparare a sciare. Nella parte finale del libro il clima si intensifica verso il poliziesco. E qui la fantasia e la realtà dei nostri tempi si coniugano in situazioni che danno un sapore ancora diverso e arricchente per questo romanzo così vivace.

Lascio ai lettori la scoperta di questa ulteriore qualità del libro. Mi resta da fare alcune brevi considerazioni sulla divisione del libro 4 parti, 38 capitoli e un epilogo. Una costruzione ben strutturata, ogni capitolo recita una sua parte, lo scrittore ha saputo condurre l’affabulazione in modo coinvolgente; il lettore sviluppa il percorso seguendo un filo rosso che sa dipanarsi in modo appropriato a seconda della scrittura proposta: nel dialogo fitto o spezzato, che ci porta ad immedesimarci nei personaggi e a provare le più diverse sensazioni: rabbia che si traveste in diplomatica persuasione, auscultazione della natura che sa manifestarsi in modo piacevole, ma anche ad evidenziare la sua malvagia forza.
Insomma un convincente esercizio di tecnica narrativa, un esemplare e coinvolgente testo che ti prende dalla prima all’ultima pagina. Veramente un bel libro.

— GIANFRANCO FORMICHETTI, assessore alla cultura, Città di Rieti, autore di Vita di Antonio Vivaldi, Giunti Editore

DC Writers on Podcast (AELAQ)

Poet Greg Santos’ interview on AELAQ’s podcast Inside the Frozen Mammoth is now online. Greg discusses his current project and reads from The Emperor’s Sofa and Rabbit Punch!

Novelist Kenneth Radu’s podcast interview (Butterfly in Amber, Earthbound, Sex in Russia) provoked “many a chuckle at the computer desk.”

Listen to or download either on iTunes at http://aelaq.org/podcast/